Faq Estero

  • Paese: AUSTRIA | Argomento: INSTANT WIN CON ACQUISTO

    La filiale austriaca di un nostro cliente vorrebbe organizzare un concorso a premi instant win legato all'acquisto: i consumatori acquistano i prodotti in promozione, si registrano, inseriscono il codice e scoprono subito se hanno vinto uno dei premi in palio. Questa meccanica è consentita in Austria?

    In Austria sono consentiti unicamente i concorso di sorte gratuiti, che non prevedono quindi un costo di partecipazione da parte dell'utente. L'acquisto di un prodotto come prerequisito per la partecipazione non è comunque considerato un "pagamento" per la partecipazione a meno che i prodotti in promozione non abbiamo un costo più alto attribuibile all'esistenza del concorso. Pertanto la meccanica proposta è consentita.
    Sarà comunque necessario redigere il regolamento in lingua locale secondo quanto previsto dalla legge austriaca e provvedere al pagamento delle imposte previste sul valore del montepremi secondo quanto stabilito dalla vigente normativa fiscale.

  • Paese: BELGIO | Argomento: CONCORSI DI SORTE

    Un nostro cliente, in occasione del lancio del proprio portale di e-commerce vorrebbe organizzare un concorso rivolto ai clienti residenti in Belgio: tutti coloro che si iscriveranno al sito web nel periodo della promozione parteciperanno all'estrazione di un premio. Questa meccanica è consentita?

    Prima di organizzare un concorso a premi in Belgio è necessario verificare attentamente  che l'attività promozionale non ricada nella definizione di "Game of Chance" o di "Lottery", entrambe vietate dalla normativa Belga. Secondo quanto previsto dal "Lottery Act" infatti, in Belgio sono vietati tutti i concorsi in cui la vincita dipenda esclusivamente dalla sorte, anche nel caso in cui la partecipazione sia gratuta. La meccanica indicata pertanto, così come descritta,  non è consentita. Per poter organizzare comunque il concorso, suggeriamo di modificare la meccanica combinando l'elemento aleatorio con un elemento di abilità (un questionario, ad esempio) in modo che la vincita non dipenda esclusivamente dalla sorte e che l'attività non rientri nei divieti previsti dal "Lottery Act".

  • Paese: BELGIO | Argomento: MECCANICA VIRAL

    Un nostro cliente vorrebbe organizzare in Belgio un concorso fotografico che prevede l'assegnazione di alcuni  premi tramite giuria e, in aggiunta,  una meccanica viral che prevede un premio ulteriore per l'utente che abbia invitato più amici a registrarsi al concorso. Avete delle particolari criticità da segnalarci a questo proposito?

    Il concorso meritocratico con guria in Belgio è consentito ed è anche molto utilizzato. Per quanto riguarda invece la meccanica viral occorre segnare che sia il Ministero dell'Economia che la "Private Commission" Belga hanno dichiarato che qualsiasi promozione basata sulla meccanica "dillo ad un amico" è da considerarsi una forma di spam e, pertanto, espressamente proibita anche nel caso in cui i dati forniti non vengano raccolti ed utilizzati dal promotore del concorso. Sarà necessario mantenere esclusivamente la meccanica con giuria.

  • Paese: BIELORUSSIA | Argomento: COMUNICAZIONE CONCORSI

    La nostra azienda vorrebbe pubblicizzare un concorso fotografico con giuria organizzato in Bielorussia attraverso una campagna di advertising sui media locali. E' sufficiente indicare dove si troverà il regolamento completo del concorso o bisogna inserire per legge altre informazioni?

    La comunicazione dei concorsi a premi in Bielorussia è strettamente regolata dalla "Legge sulla Pubblicità". Innanzitutto occorre sottolineare che un concorso a premi può essere comunicato solo dal momento in cui il regolamento è stato reso pubblico ed accessibile a tutti i partecipanti; inoltre, la legge stabilisce che il promotore è tenuto ad includere nel messaggio pubblicitario le seguenti informazioni: descrizione delle modalità di partecipazione, criteri e tempi di giudizi della giuria, descrizione del premio ed, infine,  modalità e tempi di pubblicazione dei risultati del concorso.

  • Paese: BRASILE | Argomento: PREMI IN PALIO

    Stiamo pianificando un concorso in Brasile e dobbiamo decidere quali premi mettere in palio: ci sono dei limiti alla tipologia e valore dei premi che si possono promettere?

    La legge brasiliana N° 5.768 del 20/12/1971 fornisce precise indicazioni sui premi chiarendo che non possono - in alcun modo - essere messi in palio premi consistenti in denaro né convertibili in denaro. La stessa legge, inoltre, chiarisce che il valore massimo dei premi sarà fissato in ragione dei ricavi di esercizio della società (secondo una media realizzata nei mesi precedenti) e della natura dell'attività economica in modo che non possa essere snaturata l'attività commerciale principale.

  • Paese: COREA | Argomento: CONCORSI A PREMIO

    Una società nostra cliente vorrebbe realizzare un concorso indetto dall’headquarter inglese ma rivolto anche ai residenti della Corea. La meccanica prevede la registrazione sul web da parte degli utenti maggiorenni,  il caricamento di contenuti fotografici su un tema definito e la selezione dei vincitori da parte di una giuria. In questo caso è necessario avere anche un promotore locale?

    La legge Coreana consente ad un'impresa straniera di organizzare un concorso rivolto ai cittadini Coreani pertanto, nel vostro caso, non sarà necessario prevedere anche la presenza di un promotore Coreano: il concorso sarà indetto unicamente dalla società UK e regolato dalla normativa UK in materia di concorsi a premio.Diversamente, per quanto riguarda la raccolta e il trattamento dati personali degli utenti coreani, si dovrà applicare la legge vigente in Corea. Vi  segnaliamo infine che la maggiore età in Corea si raggiunge al compimento del ventesimo anno e, pertanto,  sarà opportuno indicare questa limitazione nel regolamento e nel form di partecipazione online.

  • Paese: FRANCIA | Argomento: CONCORSI CON ACQUISTO

    Vorremmo organizzare un concorso SMS instant win in cui i consumatori dovranno inviare per SMS il codice univoco presente all'interno della confezione del prodotto. Questa meccanica è consentita in Francia?

    In Francia, i concorsi con obbligo di acquisto sono consentiti grazie alla riforma del maggio 2011 che recepisce la direttiva europea 2005/29/CE. La meccanica proposta è quindi attualmente consentita, a condizione che si rispettino i procedimenti adeguati. A titolo esemplificativo, per esempio,  il promotore dovrà essere residente in Francia, sarà necessario redigere un regolamento  in lingua francese conforme alla normativa e la documentazione dovrà essere depositata presso l'Hussier de Justice competente per territorio.

  • Paese: GRAN BRETAGNA | Argomento: PROMOTORE

    Un nostro cliente che commercializza i propri prodotti in UK ma non ha una sede legale in UK vorrebbe organizzare un concorso a premi per i propri consumatori.Poichè la nostra agenzia di comunicazione ha anche un ufficio a Londra, potremmo diventare noi i promotori del concorso per conto del nostro cliente?

    La legislazione vigente in UK non prevede che il promotore di un concorso sia necessariamente l'azienda che produce il prodotto oggetto della promozione pertanto, se la sede inglese della vostra agenzia è disponibile a risultare come promotrice del concorso, dal punto di vista legale non sussistono impedimenti.  E' importante però ricordare ed essere consapevoli che, diventare promotori di un'iniziativa concorsuale significa anche assumersene  tutti gli oneri e le reponsabilità dal punto di vista legale.

  • Paese: INTERNAZIONALE | Argomento: CONCORSI GLOBAL

    E' possibile organizzare un unico concorso rivolto ai residenti di diversi paesi compresa l'Italia?

    Non è consentito organizzare un concorso su più paesi comprendendo anche l'Italia. Qualora si voglia organizzare un concorso multinazionale sarà necessario prevedere una pratica concorsuale specifica per l'Italia con premi dedicati per i residenti in Italia e un'altra pratica rivolta ad altri paesi, anche raggruppati, previa verifica delle normative locali dei paesi che si vuole coinvolgere.

  • Paese: KAZAKISTAN | Argomento: COMUNICAZIONE CONCORSI

    Un nostro cliente vorrebbe realizzare un’iniziativa promozionale in Kazakhistan.
    Oltre agli adempimenti legali ed amministrativi richiesti dalla legge Kazaka, esistono delle normative specifiche riguardanti la realizzazione dei materiali di comunicazione?

    Premesso che la lingua ufficiale del paese è il Kazako, è necessario tenere in considerazione che la lingua Russa è molto diffusa ed utilizzata dalla popolazione.
    In conformità a quanto previsto dalla “Legge sulla lingua e la pubblicità”, tutti i materiali di comunicazione dovranno essere bilingue ed quindi redatti sia in lingua Kazaka che in lingua Russa. Da un punto di vista degli spazi, inoltre, la lingua Kazaka dovrà avere una posizione dominante e, più precisamente, dovrà essere posizionata più in alto oppure a sinistra della lingua Russa.

  • Paese: MESSICO | Argomento: ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

    Stiamo organizzando un concorso su diversi paesi ai quali vorremmo aggiungere il Messico. Quali tempi sono previsti per poter effettuare un concorso in Messico?

    Premesso che, per effettuare un concorso in Messico è necessario che ci sia  una impresa Messicana che faccia da promotrice, i tempi di avvio di un concorso negli Stati Uniti Messicani varia in base alla tipologia di meccanica. Se il concorso è di tipo puramente aleatorio, va richiesta una autorizzazione almeno 15 giorni prima dell'inizio della promozione; se il concorso prevede l'utilizzo di un software, lo stesso deve essere inviato 4 mesi prima alle autorità per opportuno controllo prima di ottenere le autorizzazioni; se, invece, il concorso è di abilità si fa solo una comunicazione almeno 3 giorni prima dell'inizio.

  • Paese: OLANDA | Argomento: CONCORSI SMS

    La nostra azienda  vorrebbe organizzare in Olanda un concorso SMS instant win con un importante montepremi. Esistono dei vIncoli specifici da rispettare in questi casi?

    In Olanda, i concorsi a premio che hanno l'obiettivo di promuovere un prodotto o un servizio sono regolati dal "Code of conduct for promotional Games of Chance" entrato in vigore nel Gennaio 2006. Secondo il codice, l'organizzazione di concorsi a premio con SMS è consentita ma è importante che il costo richiesto ai partecipanti per poter accedere al concorso non superi € 0,60. Costi di partecipazione superiori (premium SMS, ad esempio) sono considerati al pari del gioco di azzardo e, di conseguenza, vietati dalla legge. Per quanto riguarda il montepremi, il valore massimo che può essere messo in palio per i concorsi promozionali è di massimo €100.000 totali nel corso di un anno.

  • Paese: PORTOGALLO | Argomento: ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

    Un'azienda di elettrodomestici intende organizzare un concorso in Portogallo. La meccanica è molto semplice: l'utente dovrà registrarsi al sito del concorso e rispondere alle domande di un test per partecipare all'estrazione finale di un viaggio. Cosa prevede la normativa portoghese in questi casi?

    La normativa portoghese è molto simile a quella italiana in quanto  impone la richiesta di un'autorizzazione governativa per tutti i concorsi, giochi o attività di intrattenimento in cui la possibilità di vincita dipenda sia dall'abilità del consumatore che dalla sorte.  La meccanica descritta nella domanda ha carattere aleatorio e pertanto il promotore dovrà inviare la modulistica per la richiesta di autorizzazione all'ente governativo preposto (Ministério de la Administraciòn Interna) entro 15 giorni dall'inizio del concorso. Alla richiesta dovranno inoltre essere allegati il regolamento completo, la garanzia bancaria o assicurativa sul valore totale del montepremi e la ricevuta di pagamento della tassa governativa fissa sui concorsi a premio (Portaria n°1203/2010 de 30 Noviembre).

  • Paese: PORTOGALLO | Argomento: ADEMPIMENTI FISCALI

    La filiale portoghese della nostra azienda vuole organizzare un concorso online con estrazione finale mettendo in palio un viaggio del valore di circa 5000 Euro. Quali sono gli adempimenti fiscali richiesti in Portogallo in questi casi?

    In Portogallo, per richiedere l'autorizzazione per l'organizzazione  di un concorsi a premi è necessario che il promotore provveda al pagamento di una tassa del valore di  500 Euro (indipendentemente dal valore del montepremi) da corrispondere alla " Secretaría Geral del Ministerio de Administracao Interna". Inoltre, nel caso in cui l'attribuzione del premio derivi da una meccanica di carattere aleatorio il promotore dovrà applicare il 35% di ritenuta (se il premio è in denaro) o diversamente in acconto di imposta (se il premio è in specie), sul valore del premio.

  • Paese: REPUBBLICA CECA | Argomento: ADEMPIMENTI PER CONCORSI ONLINE

    La nostra agenzia sta organizzando per un cliente un web contest che si rivolge ai consumatori della Repubblica Ceca. I consumatori dovranno iscriversi al sito web e rispondere ad un questionario che riguarda i prodotti in promozione, senza obbligo di acquisto; tra tutti coloro che risponderanno correttamente verranno estratti ogni giorno dei premi di piccolo valore. Questa meccanica è consentita? Quali sono i principali adempimenti richiesti dalla legge?

    La meccanica descritta in Repubblica Ceca è consentita e rientra nella categoria delle "Consumer Lottery", regolate dal Czech Lotteries Act.E' importante sottolineare che, per rientrare in questa categoria (che gode di una normativa meno rigida rispetto alle lotterie tradizionali)   il valore del premio unitario non può superare gli 800 Euro di valore mentre, per il montepremi totale, la legge stabilisce un limite massimo di 8000 Euro. Dal punto di vista amministrativo, per le "Consumer Lottery" sono comunque previsti una serie di adempimenti tra i quali segnaliamo l'obbligo di inviare una notifica al ministero delle Finanze competente 15 giorni prima dell'inizio della promozione.

  • Paese: RUSSIA | Argomento: INSTANT WIN

    Un nostro cliente vorrebbe organizzare un concorso in Russia con la seguente meccanica:all'interno dei prodotti in promozione verrà inserita una cartolina con un codice univoco che, inviato per SMS, consentirà ai consumatori di partecipare all'estrazione Instant win di diversi premi. Questa meccanica è consentita in Russia?

    Secondo le modifiche alla legge sulle lotterie del 2010, l’uso di strumenti tecnici, elettronici e meccanici in lotterie promozionali è totalmente proibito dal 10 agosto 2010. Questo significa, in pratica, che ogni lotteria la cui partecipazione richieda l'utilizzo di un telefono, un cellulare,  internet o qualsiasi altro strumento tecnico, è illegale. In questo caso pertanto, consigliamo di far spedire le cartoline all'indirizzo postale del promotore per procedere con un'estrazione manuale alla presenza di un notaio.

  • Paese: RUSSIA | Argomento: PRIVACY

    Abbiamo intenzione di organizzare un concorso a premi in Russia. Per partecipare, i consumatori dovranno registrarsi al sito dedicato alla promozione e pubblicare una foto su uno specifico tema. L'assegnazione dei premi avverrà con giuria. La meccanica ipotizzata é consentita? Sono necessari adempimenti specifici in materia di privacy?

    Premesso che in Russia non é possibile organizzare concorsi online di tipo aleatorio, la meccanica ipotizzata, invece, é consentita dalla normativa.
    Per quanto riguarda il trattamento dei dati personali, la legge russa sui dati personali del 2006 prevede che il titolare del trattamento, ovvero il promotore del concorso, debba attuare tutte le misure legali, organizzative e tecniche necessarie affinché sia salvaguardata la sicurezza dei dati forniti dai partecipanti. Nel caso indicato, poiché il trattamento avverrà in modalità informatica, sarà necessario inviare un'apposita notifica al Servizio Federale per la Supervisione nella sfera delle telecomunicazioni, informazioni tecnologiche e comunicazioni di massa.
    La notifica, inviabile anche in modalità telematica, dovrà essere trasmessa obbligatoriamente prima che i dati vengano trattati e sarà processata dall'ufficio competente entro i 30 giorni successivi all'invio. 

  • Paese: SERBIA | Argomento: ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

    Un nostro cliente vorrebbe organizzare un concorso in Serbia: tutti coloro che acquisteranno un prodotto in promozione avranno la possibilità di partecipare all'estrazione di un premio in palio. Questa meccanica è consentita in Serbia? Sono previsti specifici adempimenti?

    In Serbia, la meccanica concorsuale basata sulla sorte e sull'obbligo di acquisto da parte dei partcipanti è consentita ed è inoltre generalmente molto utilizzata dalle imprese.  Dal punto di vista giuridico, i concorsi a premio in cui il vincitore è determinato dalla sorte, sono strettamemente regolati dalla "Law on the Games of Chance", che stabilisce tutti gli adepimenti specifici previsti per legge. A titolo eseplificativo, ricordiamo che il regolamento completo della manifestazione dovrà essere pre-approvato dal Ministero delle Finanze e che il promotore dovrà richiedere  un'autorizzazione formale alla Gaming Commission.

  • Paese: SPAGNA | Argomento: ADEMPIMENTI FISCALI

    Vorremmo organizzare un concorso online in Spagna che prevede l'estrazione finale di un vincitore tra tutti gli iscritti al sito della promozione. Ci sono delle tasse da pagare?

    I concorsi a premio in Spagna sono normati anche dal punto di vista fiscale. In questo caso, trattandosi di un concorso aleatorio,il promotore è tenuto a versare il 10% del valore del montepremi entro 30 giorni dall'inizio del conconcorso e dopo l'estrazione è tenuto a versare un ulteriore tassa nel caso in cui il valore del premio superi i 300 Euro.

  • Paese: UK | Argomento: GESTIONE PREMI

    Dopo aver effettuato l'estrazione dei vincitori di un concorso  UK promosso da un'azienda inglese, , abbiamo riscontrato che molti consumatori risultano irreperibili. Come dobbiamo comportarci con i premi? E' necessario devolverli alla Onlus?

    La normativa inglese, al contrario di quella italiana, non prevede l'obbligo da parte del promotore di devolvere i premi non assegnati ad una Onlus. In questo caso sarà quindi sufficiente attenersi scrupolosamente a quanto previsto dal regolamento su tempi e modalità di contatto con i vincitori . Se i vincitori risultato irreperibili, tutti i premi non assegnati (così come quelli rifiutati) potranno tornare al promotore.

  • Paese: USA | Argomento: ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

    Siamo una società Italiana con una sede negli USA e vorremmo indire un concorso a premi online aperto a tutti i residenti dei 50 Stati. La partecipazione sarà gratuita ed i premi saranno assegnati con estrazione finale. Il montepremi sarà di circa 8,500 $. La meccanica proposta è consentita? Quali sono gli adempimenti necessari per questo concorso e le tempistiche per l'attivazione?

    Il concorso a premi descritto rientra nella categoria degli "Sweepstakes". La meccanica - a partecipazione gratuita e con assegnazione dei premi mediante estrazione - è consentita ed il concorso può essere rivolto ai residenti di tutti i 50 stati, purchè vengano rispettati alcuni adempimenti specifici: in particolare, sarà necessario che il promotore sia una società registrata negli USA e, poichè il montepremi supera il valore di 5000 $, in alcuni stati sarà necessario effettuare un'apposita registrazione e stipulare un'assicurazione sul valore del montepremi. Indicativamente, la registrazione del concorso negli stati interessati e la stipula dell'assicurazione richiedono circa 3-4 giorni lavorativi e devono essere effettuate almeno 10 giorni prima della partenza del concorso.